SINKING ISLAND (RECENSIONE)

Le Recensioni delle Avventure Grafiche per PC.
Rispondi
Avatar utente
Giuseppe
Amministratore
Messaggi: 4601
Iscritto il: 02/03/2009, 15:20
Ha espresso il “Mi piace”: 25 volte
Mi piace ricevuti: 59 volte

SINKING ISLAND (RECENSIONE)

Messaggio da Giuseppe »

Immagine Benoit Sokal.. chi non lo conosce e come dimentica Syberia..poi venne Paradise che fu una mezza delusione, sia per il gioco in sé che per il problema dell’instabilità. Ora si ripresenta con questo Sinking Island cambiando rotta: dalla gelida Syberia alle calde zone equatoriali di Paradise e ora ad una zona sperduta del pacifico: l’isola Sagorah. Tre stili di gioco differenti che in qualche modo fanno intercettare una buona varierà di scelte per creare un gioco. Un certo Walter Jones scoprì quest’isola ed essendo miliardario investì parecchi soldi nella costruzione di un hotel all’avanguardia quasi esclusivamente per l’alta società e non per comuni mortali. Jones ormai anziano e paralitico, era costretto su una sedia a rotelle e il suo corpo venne trovato sfracellato ai piedi di una scogliera. Per investigare sull’accaduto viene inviato il nostro alter ego: Jack Norm, quindi gioco in terza persona. La prima cosa da fare è appurare se si tratta di morte accidentale oppure di omicidio dando così vita ad un’avventura a stampo investigativo. Sull’isola sta per abbattersi un uragano, quindi si avranno tre giorni di tempo per svelare il mistero e per fortuna sull’isola ci sono solo dieci persone che possono essere sospettate, quindi il cerchio è abbastanza ristretto. Jack scoprirà che si tratta di omicidio e l’indagine lo porterà tra le spiagge di Sagorah alle stanze dell’hotel Jones, cercando prove, indizi interrogando i sospettati per arrivare alle soluzione del caso. Sarà molto importante l’elemento “ tempo”, se sarà scelta questa modalità, dove si dovranno portare a termine alcuni eventi dell’indagine entro un certo limite di tempo; se ciò non accadrà si perderanno tutti gli indizi e prove trovate e sarà il fallimento dell’indagine. Scegliendo invece l’impostazione classica si proseguirà normalmente senza nessun limite. Conoscendo Sokal ci si aspetta una grafica da urlo ed in effetti è così: ambientazioni spettacolari, con tinte a tratti decadenti ma specificatamente volute, effetti luci da rendere tutto reale e ben definito. L’effetto isola solitaria in tempesta con il grattacielo che svetta la si può considerare un’idea geniale. I fondali dimensionali e arricchiti da molti virtuosismi grafici: lampi tra le nuvole, palme agitate dal vento e tanti altri effetti che rendono verosimile l’intera scena. Tutto questo viene “rovinato”, nel senso buono, da un 3D dei personaggi non proprio all’altezza; se togliamo quello principale che per fortuna è ben fatto, gli altri sono più che qualche sprite messo insieme, marcati e colorati pesantemente e pure nelle animazioni risultano leggermente innaturali. La differenza tra Sokal ed il resto del team purtroppo si vede. Il comparto sonoro è più che buono con effetti per far risaltare tutte le chicche grafiche e non manca un colonna sonora adeguata allo stile del gioco. I dialoghi sono doppiati in italiano impeccabile con il solo difetto che non hanno abbastanza espressività.. i doppiatori non si sono “calati” nella parte e la mancanza di naturalezza purtroppo è evidente.
Immagine Immagine
Classico punta e clicca con il cursore del mouse che cambierà forma a seconda dell’oggetto o del personaggio selezionato. Con il tasto sinistro si impartirà il comando e con il destro si accede all’inventario degli oggetti raccolti che serviranno per poter compiere determinate azioni e non saranno prove ai fini dell’indagine. Raccogliendo prove e indizi si avrà la forzata necessità di correlarli tra loro per mezzo del PPA (Personal Police Assistant), un’interfaccia dove si potranno raggruppare le prove e metterle in relazione. L’indagine sarà a puzzle, cioè a tasselli sottoforma di domanda che si riempiranno man mano che saranno accumulate risposte esaurienti. Il PPA svolge altre funzioni come confrontare una scarpa con un’orma, impronte digitali e addirittura ipotizzare, tramite gli indizi raccolti, la colpa o discolpa dei sospettati e sapere in tempo reale dove si trovano in un determinato momento. Stiamo parlando di un investigativo e quindi si tratterà di raccogliere prove, indizi, interrogare..e gli enigmi? ..beh..non storcete il naso.. ci saranno seppur limitatamente ma tutti risolvibili. Purtroppo in questa tipologia di giochi gli eventi principali si basano solo su investigare e niente altro, lo spazio per gli enigmi classici da poterci passare delle ore senza venirne a capo purtroppo non sono stati inclusi. La storia è indubbiamente affascinante ma zoppica in giocabilità e per i lunghi dialoghi a scelta multipla; se non è stato terminato un dialogo in maniera corretta, Jack sarà costretto a ritornare sui suoi passi con lunghi e snervanti avanti-indietro… una mappa sarebbe servita.
Immagine Immagine

Chi ama Sokal e ricorda Amerzone e Syberia, non può esimersi dal giocare questo titolo. Un grafica piacevole e gradevole, un’innovazione del sistema investigativo a tempo che crea una sfida per chi è abituato alle classiche avventure e una trama coinvolgente. Purtroppo manca di enfasi profonda di caratterizzazione dei personaggi , e una volta conclusa, si avrà la netta sensazione di non aver potuto “conoscere” ogni singola persona. Dialoghi a volte troppo lunghi e l’assenza di un mappa che rende il gioco tedioso per i continui spostamenti. In conclusione, anche con alcuni difetti, Sinking Island rimane pur sempre un gioco da fare a tutti gli effetti.

Meritevole

Voto: 75/100

Soluzione
Savegame
Patch
Fortuna vostra che esisto...

Immagine Immagine
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: SINKING ISLAND

Messaggio da mammapina »

Che bella recensione!!!Complimenti davvero Giuseppe........ho il gioco ma ancora devo farlo.L'ho comprato perchè era un gioco di Sokal e volevo giocarmelo subito.....poi per motivi che non stò a scrivere mi ero scordata di averlo :shock: :lol: ma rimedierò al più presto!!!
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Avatar utente
Electranovembre
Amministratore
Messaggi: 10689
Iscritto il: 05/03/2009, 21:00
Mi piace ricevuti: 3 volte

Re: RECENSIONE: SINKING ISLAND

Messaggio da Electranovembre »

Penso che per il fatto stesso che sia un gioco del mitico Benoit Sokal valga la pena giocarlo..... :mrviolet:
giuseppe ottima recensione
Immagine
Avatar utente
Linfadoro
Messaggi: 3371
Iscritto il: 05/03/2009, 16:57

Re: RECENSIONE: SINKING ISLAND

Messaggio da Linfadoro »

Questa mi servirà, ho il ioco da tempo immemore.....e vorrei giocarci ma chissà quando! gran bel lavoro Giuseppe! 8)
Avatar utente
Puccina
Messaggi: 1616
Iscritto il: 07/03/2009, 22:53

Re: RECENSIONE: SINKING ISLAND

Messaggio da Puccina »

Bravissimo davvero giuseppe un capolavoro di rece ;-)
Io l'ho giocato e mi è piaciuto davvero tanto :mryellow:
Sokal è sempre Sokal :razz:
Avatar utente
spy869
Messaggi: 364
Iscritto il: 10/04/2009, 2:51

Re: RECENSIONE: SINKING ISLAND

Messaggio da spy869 »

la trama attira e poi il cataclisma che segue nel gioco lo rende ancora piu bello
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: SINKING ISLAND

Messaggio da mammapina »

Cataclisma?? :roll: devo giocarlo al più presto, adesso sono curiosa di sapere :grin:
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Avatar utente
Niki
Messaggi: 6382
Iscritto il: 19/05/2009, 14:15
Ha espresso il “Mi piace”: 48 volte
Mi piace ricevuti: 26 volte

Re: RECENSIONE: SINKING ISLAND

Messaggio da Niki »

Non è come Syberia, un pò caotico forse nella gestione degli enigmi, da abituarsi.
Si cammina anche tanto, questò è vero però tutto sommato, giocabile.
Bella rece Giuseppe, bravo. ;-)
la verità e là fuori, ma non fidatevi di nessuno...

Immagine
Avatar utente
Adriano
Messaggi: 2159
Iscritto il: 04/07/2012, 19:50
Ha espresso il “Mi piace”: 1 volta

Re: RECENSIONE: SINKING ISLAND

Messaggio da Adriano »

Erano mesi che era li in attesa ... poi qualche giorno di influenza ha fatto da grimaldello e l'ho giocato.
Posso dire che chiunque ami il genero investigativo non può esimersi dal giocare a Sinking Island! L'ho trovato davvero notevole, intrigante come pochi.
Non è esente da pecche ovviamente, si gira molto ed in effetti una mappa non sarebbe stata una brutta cosa. Ma è anche vero che le locazioni sono molto belle, con dettagli notevoli.
Ho trovato anche un poco scomoda la gestione degli indizi: se da un lato l'avanzamento ad obiettivi può essere un'idea, dall'altro però se non si mettono quelli ritenuti giusti, non si avanza. E così anche quando tutto è stato trovato e le idee sono chiare, si rischia di rimanere bloccati.
Un consiglio spassionato: non perdetevi nulla durante il gioco, guardate davvero ovunque. Ci sono locazioni che ad un certo punto non sono più raggiungibili e se ci dimentica di prendere qualcosa ... il gioco diventa un vicolo cieco.
A me è capitato e devo dire che mi è spiaciuto non tanto per il dover tornare a un salvataggio precedente, quanto perché a quel punto si è un po' persa la magia ...
Ma il gioco merita davvero!
Avatar utente
Electranovembre
Amministratore
Messaggi: 10689
Iscritto il: 05/03/2009, 21:00
Mi piace ricevuti: 3 volte

Re: RECENSIONE: SINKING ISLAND

Messaggio da Electranovembre »

Grazie per i tuoi commenti Adriano.... :mrviolet:
Immagine
Rispondi