THE LOST CROWN - A Ghost-hunting Adventure (RECENSIONE)

Le Recensioni delle Avventure Grafiche per PC.
Avatar utente
Giuseppe
Amministratore
Messaggi: 4637
Iscritto il: 02/03/2009, 15:20
Ha espresso il “Mi piace”: 25 volte
Mi piace ricevuti: 69 volte

THE LOST CROWN - A Ghost-hunting Adventure (RECENSIONE)

Messaggio da Giuseppe »

ImmagineInutile girarci intorno, lo sappiamo che i misteri, le mutazioni genetiche, l’esoterismo, sette varie, hanno in qualche modo un influsso sulla nostra mente. Può creare paura, disagio, ma la psiche umana in qualche modo ne è coinvolta e se anche non si vuol vedere, sicuramente si vuole essere informati in qualche modo. In questo ci vengono in “aiuto” film, telefilm, libri, documentari e anche videogiochi; non si sta parlando di mostri da abbattere come in vari action, ma semplicemente del regno dei morti e degli spiriti che molti trattati di letteratura indicano come presenze invisibili facenti parte della nostra vita quotidiana; sta a noi cercarli per “vederli”. The Lost Crown - A Ghosthunting Adventure, rispecchia in qualche modo tutto questo grazie a Jonathan Boakes, già ideatore e realizzatore della serie “Darkfall”.

Immagine Immagine
Nigel Danvers, ricercatore di tesori, ha sottratto dei documenti dal sistema informatico di una multinazionale e naturalmente sta fuggendo dai suoi agenti che lo stanno cercando. Non sapendo dove andare si rifugia a Saxon in Cornovaglia, un paesino che riserverà parecchie sorprese. Pensando di essere al sicuro inizia ad aggirarsi per il paese non conscio che i suoi guai sono appena iniziati, perché la sua curiosità di natura lo porterà ad investigare al mistero della Corona Perduta dei Sassoni. Gli abitanti del villaggio non lo vedono di buon occhio e invece di aiutarlo tendono a depistarlo; ha la netta sensazione che sono a conoscenza di chissà quali segreti e naturalmente la voglia di scoprirli è alta. Inutile negare che riuscirà a scoprire tali segreti e alcuni avranno un grande spessore umano, altri porteranno persino alla commozione. Il tutto ruota intorno a “presenze” con le quali si avrà un contatto diretto: fantasmi con una loro storia, un loro passato e molti con risvolti drammatici. Il tutto è condito da un alone spettrale del paese..sembra che tutto “parli nell’inconscio”, che ogni angolo, ogni casa, ogni locazione abbia una sua storia da raccontare. Non è la solita trama di presenze spettrali o demoniache da sconfiggere che i videogiochi ci hanno abituati, ma siamo di fronte ad una “umanità” verso l’oltretomba e alle “persone” che vi abitano. Non è detto, che solo per il fatto che non sono terreni, non possano in qualche modo avere una loro “vita rovinata” da passate problematiche terrene, che li fanno vagare per il limbo nella speranza che qualcuno li intercetti e li faccia finalmente andare nella loro dimora eterna. Questo è il messaggio di questo gioco, naturalmente più romanzato e più in stile avventura come deve essere; giocandoci prestate molta attenzione ai dialoghi e alla situazioni e ve ne convincerete.
Immagine Immagine
Per la grafica bisogna fare un discorso a parte perché di primo acchito potrebbe turbare l’occhio..per capirci meglio sappiate che si sta parlando di grafica in bianco/nero però realizzata in maniera sapiente, difatti se osservata a fondo incide in maniera eccelsa al mistero che avvolge la storia: cupa dove serve, più luminosa in altri settori ma sempre alonata da ombreggiature che ne caratterizzano l’ambiente. Per essere precisi alcuni oggetti di ogni scenario sono colorati per dare un tocco di profondità e molto suggestive sono le colorazioni di verde per dare un’essenza di scenario notturno. Siamo abituati a grafiche da urlo in 2D, in 3D, in 2.5D e chi più ne ha più ne metta; spesse volte non ricalcano le aspettative e la delusione è molta. In questo caso invece una grafica in 2D pulita, semplice e senza tanti fronzoli con ambientazioni ricche di particolari. Purtroppo forse hanno dimenticato di curare i personaggi in 3D che sembrano manichini, pochi definiti, molto legnosi, piatti e con movimenti da pattinatore invece che da camminata. Questa è una cosa che non mi spiegherò mai, non capisco come gli sviluppatori non si rendano conto di un simile difetto..capisco che i fondi forse alcune volte non sono sufficienti, ma come curi la grafica cura anche i personaggi, al limite tralascia i secondari ma il personaggio principale rendilo degno di questo nome. Dopo questo piccolo sfogo passiamo al sonoro che è un altro fiore all’occhiello dopo la grafica e la trama. Azzeccato in tutti i sensi, dai lamenti ai sospiri, voci e effetti che faranno correre un brivido lungo la schiena. Disposti magistralmente in ogni angolo per dare un senso di “aldilà”, correlato da musiche ambientali di forte carisma creando un’atmosfera surreale e molto credibile. Peccato che questo gioco è in lingua inglese e siccome i dialoghi hanno parte dominante nella storia e saranno abbastanza lunghi, sarà forse penalizzato chi non ha molta dimestichezza della lingua anglosassone, sperando in una localizzazione italiana almeno nei sottotitoli.
Immagine Immagine
L’interfaccia di gioco è molto semplice e intuitiva e siamo di fronte a un punta e clicca classico in cui si dovrà guidare il protagonista, quindi gioco in terza persona, nelle varie ambientazioni alla ricerca di indizi, risolvere enigmi e tra un dialogo e l’altro arrivare alla conclusione. Il fattore che colpisce di più è che Nigel oltre ad essere un ricercatore di tesori, deve per forza di cose, investigando in questa storia, diventare un investigatore dell’ignoto coadiuvato dalla sua assistente Lucy. Dovrà usare i classici strumenti dei “cacciatori di ombre” quali: registratori, telecamere a infrarossi, strumenti per la rilevazione di campi magnetici e sonori alla ricerca di forme di vita dell’aldilà importanti per la sua caccia al tesoro. Si mormora che lo sviluppatore Jonathan Boakes insieme al suo staff di produzione, abbiano sperimentato questa strumentazione rilevando forme di ectoplasma, rumori e voci e che abbiano trasportato il tutto nel gioco sottoforma di fotografie ed effetti sonori, quindi alcune cose e alcuni effetti presenti nel gioco farebbero parte del bagaglio di esperienza realmente acquisita. Che sia vero o no a noi poco importa, in fin dei conti l’importante è che l’atmosfera sia all’altezza.
Immagine Immagine
Gli appassionati del genere non possono farsi scappare questo titolo, non freni il fatto che è in inglese perché è abbastanza intuitivo e molto scorrevole. Si tratta di risolvere situazioni e nessun enigma particolarmente difficile. Avendo i sottotitoli si ha il tempo materiale di soffermarsi per cercare di capirli al meglio e di proseguire. Forse l’unica difficoltà sta nelle voci dei fantasmi che saranno poco comprensibili per il semplice fatto che hanno, come è logico, un’alterazione vocale. Consiglio di provarlo per vivere un’esperienza che pochi giochi hanno dato e sanno dare.

Particolare!

Voto: 78/100

Soluzione
Savegame
Fortuna vostra che esisto...

Immagine Immagine
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: THE LOST CROWN - A Ghost-hunting Adventure

Messaggio da mammapina »

bancorn WOW!!! Lo voglio fortemente questo gioco,lo devo avere!!! Grazie Giuseppe per questa bellissima e affascinante recensione!!!
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Avatar utente
Giuseppe
Amministratore
Messaggi: 4637
Iscritto il: 02/03/2009, 15:20
Ha espresso il “Mi piace”: 25 volte
Mi piace ricevuti: 69 volte

Re: RECENSIONE: THE LOST CROWN - A Ghost-hunting Adventure

Messaggio da Giuseppe »

bancorn WOW!!! Lo voglio fortemente questo gioco,lo devo avere!!! Grazie Giuseppe per questa bellissima e affascinante recensione!!!
Consigliato fortemente anche se in inglese..
Fortuna vostra che esisto...

Immagine Immagine
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: THE LOST CROWN - A Ghost-hunting Adventure

Messaggio da mammapina »

bancorn WOW!!! Lo voglio fortemente questo gioco,lo devo avere!!! Grazie Giuseppe per questa bellissima e affascinante recensione!!!
Consigliato fortemente anche se in inglese..
Non importa se è in inglese :grin: mi tengo il vocabolario accanto :lol: :lol:
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Avatar utente
Puccina
Messaggi: 1616
Iscritto il: 07/03/2009, 22:53

Re: RECENSIONE: THE LOST CROWN - A Ghost-hunting Adventure

Messaggio da Puccina »

Complimentoni giuseppe una rece dettagliatissima e come sempre un ottimo lavoro ;-)
:roll: Peccato sia in inglese....altrimenti....non lo giocavo ugualmente :oops: :razz: :lol:
Avatar utente
Linfadoro
Messaggi: 3371
Iscritto il: 05/03/2009, 16:57

Re: RECENSIONE: THE LOST CROWN - A Ghost-hunting Adventure

Messaggio da Linfadoro »

Innanzitutto ottimo lavoro, in secondo luogo, mi era già venuta la voglia di giocarlo, anche se mi strizzo e non poco, ma con questa recensione l'interesse ha toccato livelli altissimi, per non dire accattivanti. Quindi lo compro immediatamente! 8)
Avatar utente
Electranovembre
Amministratore
Messaggi: 10690
Iscritto il: 05/03/2009, 21:00
Mi piace ricevuti: 3 volte

Re: RECENSIONE: THE LOST CROWN - A Ghost-hunting Adventure

Messaggio da Electranovembre »

Davvero bellissima recensione...e credo proprio anche il gioco :mrviolet:
Immagine
Avatar utente
Giuseppe
Amministratore
Messaggi: 4637
Iscritto il: 02/03/2009, 15:20
Ha espresso il “Mi piace”: 25 volte
Mi piace ricevuti: 69 volte

Re: RECENSIONE: THE LOST CROWN - A Ghost-hunting Adventure

Messaggio da Giuseppe »

La recensione è fatta benissimo...il genere horror non mi dispiace del tutto...ma questo m'incuriosisce e non poco...per quanto riguarda la lingua, beh, l'inglese non è il mio forte, ma sentendo Giuseppe che lo si può giocare bene lo stesso...si può fare un pensierino!!! :lol:
Si direi di sì!

Chiaro che ci vorrà più tempo del previsto ma si può fare.
Fortuna vostra che esisto...

Immagine Immagine
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: THE LOST CROWN - A Ghost-hunting Adventure

Messaggio da mammapina »

Ho iniziato a giocarci e ne sono molto entusiasta, mi piace e devo dire che trovo magnifico giocare in bianco e nero :grin: Ancora però non sono sicura se ho visto un fantasma o una persona in carne ed ossa :grin: vi farò sapere in seguito :grin:
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Rispondi