RECENSIONE: Le Campagne di Napoleone

Se vi piace questo genere di giochi, dateci un'occhiata.
Rispondi
Avatar utente
Giuseppe
Amministratore
Messaggi: 4637
Iscritto il: 02/03/2009, 15:20
Ha espresso il “Mi piace”: 25 volte
Mi piace ricevuti: 69 volte

RECENSIONE: Le Campagne di Napoleone

Messaggio da Giuseppe »

ImmagineLe Campagne di Napoleone, distribuito da EMCX, è un gioco strategico a turni, che ci farà entrare nella storia francese attraverso le più importanti campagne napoleoniche. In tutto sono 14 fra cui troviamo:

-Trafalgar: la Gran Bretagna si aggiudica il dominio dei mari, autunno 1805
-La campagna polacca: dal maggio all’agosto 1807
-La campagna di Russia: dall’aprile 1812 al febbraio 1813
-La campagna di Prussia: dal settembre 1806 all’agosto 1807

Naturalmente queste citate sono solo una piccola parte di quelle inserite nel gioco. Potrai controllare ben 7 grandi nazioni e 12 nazioni minori che gestirai durante i combattimenti. Conoscerai più di 1500 fra leader e personaggi della storia e più di 1000 unità di battaglia tutte differenti fra loro: dalle spie, alle navi da guerra, alla fanteria, alla cavalleria e solo per citarne alcune. L’accesso al gioco è molto semplice, grazie ad un eccellente menù principale che si suddivide in sei parti: nuova partita, opzioni, salvare, continuare, caricare partita e uscire. Andando sulla nuova partita avrai la possibilità di scegliere se iniziare da uno dei tre “tutorial” per imparare le basi del gioco, oppure da una campagna napoleonica. Indubbiamente una volta imparati i comandi di base del gioco puoi stupire tutti con le tue doti di stratega, scegliendo il grado di difficoltà, infatti ve ne sono ben quattro: semplice, normale, difficile e molto difficile. Oltre a poter scegliere la campagna da giocare, nel momento stesso in cui si apre il menù con le foto di due personaggi, potrai decidere a quale fazione appartenere, infatti non necessariamente dovrai usare la Francia. Nelle opzioni potrai decidere se giocare con la modalità in 2D oppure in 3D, la differenza fra le due è che le icone è che nella 2D sono rappresentate dagli stendardi, invece nel 3D da veri e propri omini. Tutto il gioco si svolge su un’enorme mappa, infatti soffermandoti col mouse sulle varie icone avrai modo di leggere cosa queste rappresentano, ottenendo così tutte le informazioni necessarie sulle tue unità. L’interfaccia di gioco non è difficile da usare, eccezion fatta per alcuni comandi che potranno risultare un po’ più complicati all’inizio. Sulla mappa dovrai effettuare tutte le tue mosse e i tuoi spostamenti; una volta che sei sicuro della strategia adottata, dovrai cliccare sull’icona piccolina di fine turno e la mano passerà all’avversario. Purtroppo i tempi di caricamento sono un po’ lunghini creando così un deterrente per coloro che non amano molto questo genere di gioco. Gli spostamenti dei personaggi vengono indicati da una linea azzurrina in modo da avere sempre sotto gl’occhi i risultati delle tue scelte e potrai in qualunque momento, prima ovviamente di passare la mano, modificare le strategie adottate. A seguito del passaggio di mano ci sarà uno spostamento delle “icone/omini” sulla mappa, che perpetreranno le azioni da te comandate e sarai poi informato del risultato dall’apparizione di una finestra informativa. Inoltre avrai la possibilità di sfogliare un libro ricco di suggerimenti e informazioni di vitale importanza per il gioco. Potrai usare i tasti di scelta rapida fra F1 e F6 per scegliere l’arruolamento di più unità di fanteria anziché di cavalleria. Nel caso che tu stia usando gli spagnoli potrai dar vita ad una vasta campagna di guerriglia. I salvataggi delle partite avverranno automaticamente ad ogni passaggio turno, ma esiste un’opzione che ti consentirà di effettuare un ripristino dei 24 turni precedenti di qualunque partita sia stata salvata. Per poter vincere una partita, una delle fazioni dovrà raggiungere il massimo del morale nazionale, anche se a volte può capitare che le partite si possano concludere senza un vincitore; in questo caso saranno i punti vittoria della fazioni che ne determinano il vincitore. Il morale nazionale indica la volontà di combattere da parte di entrambe le fazioni che si stanno scontrando e subiranno delle variazioni nel corso del gioco, infatti se supererai un determinato livello potrai vincere o perdere istantaneamente.
Immagine Immagine

Il morale viene determinato da numerosi fattori: vincendo le battaglie esso salirà provocando un calo in quello degli avversari a seconda di quante unità avrai ucciso e di quanti generali avrai messo fuori combattimento; la promozione dei giovani ufficiali invece di coloro che hanno più esperienza o il congedo di superiori che godono dei favori politici ne comporterà un abbassamento, più conquisterai le cosidette “regioni obiettivo”, che vengono impostate a seconda dello scenario in cui ti trovi, più il tuo morale aumenterà mentre calerà quello dei tuoi nemici.. I punti vittoria invece si accumuleranno a seconda del tipo e della quantità di obiettivi che avrai raggiunto. Particolare importanza rivestono le strade principali, anche se sono le più difficili da percorrere, poiché se ti posizionerai lungo una di esse potrai costruire delle armerie e contrastare il nemico con migliori risultati. Troverai inoltre i valichi e le vette che potranno ostacolare (vette) oppure agevolare (valichi) il passaggio degli eserciti. Una chicca è rappresentata dalle abilità speciali, se ne contano più di 25 nuove, il solo Napoleone ne possedeva ben 15 conosciute. Troverai ad esempio i bonus per l’arrembaggio delle navi, i bonus di combattimento, l’abilità d’impegnare la guardia e molte altre ancora. Potrai adottare differenti tipologie di mosse durante i combattimenti, a seconda che questi avvengano via mare o via terra. Prendiamo ad esempio quelle via mare dove potremo usare l’opzione del vento e poi dell’arrembaggio; tramite il vento riusciremo a migliorare la qualità della manovra della nave facilitando l’arrembaggio, aumentando così la probabilità di vittoria. In quelle per via terra invece potremo disporre di diverse tattiche di attacco; la prima che prenderei in considerazione è l’attacco della cavalleria che ci consentirà di portare un attacco in massa contro il nemico, dandoci in alcuni casi la vittoria totale e se daremo ordine alla fanteria di disporsi a quadrato, potremo resistere all’attacco della cavalleria senza subire gravi danni. Sono molto importanti i rifornimenti poiché forniscono i beni di prima necessità, come ad esempio: vestiti, acqua cibo, munizioni, etc… Se questi arrivano ad esaurimento incorrerai nelle penalità, poiché col passare del tempo porteranno alla tua distruzione. Le strutture sono un altro punto portante del gioco, poiché esse forniranno riparo alle truppe quando le condizioni del clima saranno pessime, ovviamente per le navi ciò avverrà al porto. Le città si differenziano l’una dall’altra per il livello che si noterà immediatamente dalla grandezza della città che incontreremo, queste possono essere anche fortificate e non possono essere distrutte. I porti sono importanti perché ti consentiranno di creare nuove unità e riparare quelle danneggiate. Un altro punto importante da considerare sono le condizioni climatiche, poiché incideranno molto sulla velocità degli spostamenti e sullo stato d’animo dei soldati. Quando si arriverà a combattere su terreni impervi, per esempio nel deserto o in una spessa coltre di neve, si potrà andare incontro ad una mancanza di rifornimenti con conseguenti epidemie, diserzioni e molto altro ancora. Avrai la possibilità di giocare contro un altro avversario come te, ma il procedimento è un po’ più complesso rispetto ai collegamenti a banda larga di altri giochi e non tutti i computer saranno in grado di sostenerlo, quindi dovrai usare il sistema delle mail, ossia verranno usati i protocolli di trasferimento dei file tramite il sistema PBEM. La grafica presenta delle mappe di facile scorrimento, in quanto sono gigantesche arrivando a dimensioni che superano lo schermo; molto particolareggiate e ben dettagliate e con un’immagine pulita senza linee “seghettate. Per quanto concerne la musiche alcune volte sono ripetitive e monotone, senza contare il fatto che dopo un po’ cessano totalmente di sentirsi. La lingua usata è quella italiana, il che rende la struttura del gioco di facile comprensione.
Immagine Immagine
Ecco dunque al mio commento finale: indubbiamente per gli appassionati della storia di Napoleone questo gioco può rappresentare una buona occasione per ripercorrere le grandi battaglie che hanno reso celebre questo grande imperatore di Francia. Consente una buona longevità non stimabile, dato che varia a seconda della strategia usata dal giocatore. Purtroppo i lunghi quanto eccessivi caricamenti possono portare alla lunga ad uno snervamento del giocatore, anche se ciò ci concede un maggior tempo per elaborare una buona strategia. L’intelligenza artificiale del gioco è molto buona essendo capace di gestire tutte le differenti strategie adottate dalle nazioni coinvolte nelle battaglie, sopperendo così alla scarsa probabilità di potersi connettere con un secondo giocatore esterno.
By Rita
Voto: 65/100
Fortuna vostra che esisto...

Immagine Immagine
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: Le Campagne Di Napoleone

Messaggio da mammapina »

Brava Rita....complimenti per questa bellissima recensione!!! bacbac aa
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Rispondi