Recensione: South of the Circle

Le Recensioni delle Avventure Grafiche per PC.
Rispondi
Avatar utente
Giuseppe
Amministratore
Messaggi: 4658
Iscritto il: 02/03/2009, 15:20
Ha espresso il “Mi piace”: 25 volte
Mi piace ricevuti: 79 volte

Recensione: South of the Circle

Messaggio da Giuseppe »

Immagine

Se dovessi scegliere tra scrivere una tesi sui modelli delle nuvole per l’Università di Cambridge o attraversare da solo il paesaggio innevato e desolato dell’Antartide, non sarei stato in grado di scegliere quale sia il peggiore. Tuttavia, in South of the Circle di State of Play, puoi giocare nei panni di un uomo che fa entrambe le cose. Questa bellissima narrazione ti accompagna in un viaggio coinvolgente. Nonostante le sue 4 ore di gioco, riesce a raccontare una storia intrigante, se non per un paio di buchi nella trama qua e là. Sviluppato da State of Play Games e lanciato nel 2020 su Apple Arcade, South of the Circle è arrivato su PC e console.

Lo stile estetico è squisito, quasi come uno stile grafico vintage senza contorni e con un uso meraviglioso dei colori e della luce. Alcune scene sono luminose e vivide quando, ad esempio, osservi un'auto dall'esterno mentre attraversa la campagna inglese; in altre si vedono solo sagome scure dove il punto focale è l'unica cosa illuminata. South of the Circle è stupendo dal punto di vista cinematografico e visivo e il suo stile grafico vintage si sposa bene con il periodo storico e l'ambientazione.

Immagine

Ambientato durante la Guerra Fredda negli anni '60, interpreti Peter, un accademico timido e introverso di Cambridge che studia i modelli delle nuvole e sta scrivendo, o almeno cercando di scrivere, un articolo sull'argomento. Il gioco è composto da due linee di trama che corrono parallele tra loro. La prima trama, come già accennato, è con Cambridge e il tentativo di Peter di intraprendere la carriera accademica. La seconda e principale trama riguarda Peter e il suo collega Floyd, ch si schiantano con l’aereo mentre sorvolano l'Antartide. Floyd, il pilota dell'aereo, è ferito e tocca a Peter andare a chiedere aiuto. Mentre Peter lotta attraverso il Polo Sud, il passato e il presente si spostano elegantemente dentro e fuori lungo il percorso. In un momento stai camminando attraverso infiniti paesaggi innevati, per poi spostarti meravigliosamente sulle strade di Cambridge in un altro. South of the Circle fa un lavoro brillante intrecciando la storia di Peter, con scene della sua infanzia e del suo tentativo di costruire una carriera accademica, che portano al motivo per cui si trova in Antartide. Tornato a Cambridge, Peter incontra Clara, una collega accademica, che lo aiuta a scrivere la sua tesi, e la loro relazione si evolve in qualcosa di più che semplici compagni di studio. La storia è ambientata nei primi anni ’60, quando le donne non erano molto rispettate nel mondo accademico. Ben presto Peter è costretto a scegliere tra la sua lealtà e amore per Clara o la sua futura carriera a Cambridge.
Immagine

Il gioco è guidato principalmente dall'esplorazione e dal dialogo invece che dagli enigmi. C'è una grande attenzione al dialogo, ma invece di scegliere direttamente ciò che Peter dice nelle conversazioni, scegli una risposta emotiva con diversi simboli che la rappresentano. Puoi scegliere tra cinque diversi “stati d’animo” o “risposte”: timido, entusiasta, preoccupato, assertivo e premuroso. All’inizio ho dovuto disegnare tutte le diverse risposte e i rispettivi simboli, poiché non riuscivo a ricordare quale simbolo rappresentasse la risposta emotiva. C'è una sezione nelle impostazioni in cui vengono spiegate, ma non potevo prendermi la briga di accedere al menu ogni volta che c'era una risposta alla conversazione da dare. Questo modo di condurre la conversazione è originale, ma dà solo l'illusione di scegliere il percorso della storia. Sfortunatamente, non importa come fai reagire e scegliere Peter, ciò non influisce sull’esito del gioco. Anche se non puoi influenzare il modo in cui va la storia, ciò non la rende meno avvincente. Quasi immediatamente dopo l'inizio del gioco, sono stato coinvolto dalla storia e ho avuto la sensazione che ci fosse un mistero da risolvere da qualche parte.
Immagine

Poiché il gioco si concentra maggiormente sulla narrativa, non ci sono enigmi da risolvere. Non hai un inventario e, a parte andare avanti e guidare le conversazioni, l'esperienza di gioco è piuttosto incontrastata. La recitazione vocale e la colonna sonora, per non parlare dell'eccellente scrittura, compensano la mancanza di enigmi e sfide. La musica è ben composta e spazia da una dolce musica di sottofondo a intense opere orchestrali che contribuiscono a rendere alcune scene travolgenti e straordinarie.

Devo ammettere che all'inizio il finale non aveva senso per me. Ero un po’ deluso e perfino confuso, a dire il vero. Una storia così bella dovrebbe avere un finale fantastico, ma sfortunatamente c'erano troppi buchi nella trama. Forse sono solo io, e capisco che dovrebbe essere un finale aperto, ovviamente aperto all'interpretazione. Tuttavia, non ha prodotto il segno perfetto che il resto della storia meriterebbe. Alcune parti della storia sono improvvisamente volate via senza molte spiegazioni. Anche se capisco che quando hai un gioco breve di circa 4 ore, non puoi approfondire tutto, alcuni aspetti sono stati improvvisamente tagliati o non spiegati in un modo che avesse molto senso, mentre, in altre scene, le cose sono attentamente descritte.

Sebbene sia un'esperienza di gioco priva di enigmi, South of the Circle racconta una bellissima e avvincente storia cinematografica sull'amore, la politica e le lotte della vita stessa, accompagnata da una fantastica colonna sonora e da una brillante recitazione vocale. La storia promette molto, ma a causa del finale brusco, alla fine non riesce a mantenere i suoi impegni, perdendo quella che avrebbe potuto essere un'avventura narrativa quasi perfetta.

Per gli amanti della narrativa!

Voto: 70/100




REQUISITI DI SISTEMA:

MINIMI:
Sistema operativo *: 64-bit Windows 7
Processore: 2.8 GHz Dual Core CPU
Memoria: 4 GB di RAM
Scheda video: GeForce GTX 660, Radeon R7 370 or equivalent with 2 GB of video RAM
DirectX: Versione 11
Memoria: 3 GB di spazio disponibile
Scheda audio: DirectX compatible

CONSIGLIATI:
Sistema operativo: Windows 10
Processore: 3.2 GHz Quad Core Processor
Memoria: 8 GB di RAM
Scheda video: GeForce 960, Radeon RX 570 or equivalent with 4GB of video RAM
DirectX: Versione 11
Memoria: 3 GB di spazio disponibile
Scheda audio: DirectX compatible
* A partire dal 1° gennaio 2024, il client di Steam supporterà solo Windows 10 e versioni successive.
Fortuna vostra che esisto...

Immagine Immagine
Rispondi