JACK KEANE - Al riscatto dell'Impero Britannico (RECENSIONE)

Le Recensioni delle Avventure Grafiche per PC.
Rispondi
Avatar utente
Giuseppe
Amministratore
Messaggi: 4658
Iscritto il: 02/03/2009, 15:20
Ha espresso il “Mi piace”: 25 volte
Mi piace ricevuti: 79 volte

JACK KEANE - Al riscatto dell'Impero Britannico (RECENSIONE)

Messaggio da Giuseppe »

Immagine La Deck 13 in qualche modo ha allietato alcune ore della nostra vita con la serie di Ankh. Non rimarrà nelle menti dei posteri come capolavori passati e mi riferisco ai vari Broken Sword, Indy e Monkey Island.. ma in fin dei conti mi sento di dire che un certo sapore di “saga” si sente nell’aria quando si nomina “Ankh” e se può non piacere la serie, almeno è sulla bocca di molti. Ora ci riprova cambiando completamente personaggio e genere proponendo questo Jack Keane che di primo acchito fa pregustare un amarcord con riferimento alle Ag citate sopra; premetto fin da subito che non siamo a quei livelli ma la mente inevitabilmente crea un certo collegamento.Jack Keane è un capitano di una nave, ( così dice lui), che ha un debito enorme con un personaggio pericoloso, essendo povero in canna non ha modo di pagarlo e vien catturato da due suoi scagnozzi questa è la scena iniziale del gioco dove si dovrà fuggire. Tutto inizia da prima quando al Regina in persona gli affida un compito deve scortare un agente segreto inglese in un’isola, dove un certo “Doctor T” sta modificando geneticamente piante di the regolarmente bevuto dalla Regina alle cinque di ogni giorno e tanto per cambiare è il solito tiranno. IL suo compito sarà quindi di fermare questo fantomatico “ Doctor T”. Durante l’avventura incontrerà parecchi personaggi ed in particolar modo Amanda che sarà il suo “alter ego” in alcune situazioni, l’agente segreto che lo accompagnerà per la prima parte scomparendo successivamente perché catturato da uno scimmione, alcuni abitanti del villaggio, due guardie reali abbastanza demenziali e altri personaggi che saranno a volte fondamentali. L’agente segreto di Sua Maestà dovrebbe essere colui che dovrebbe fermare il “Dott.T” così sarebbe troppo scontato vero? Difatti sarà Jack che avrà in mano tutta la situazione e dovrà districarsi da varie situazioni per raggiungere il risultato finale. Assoldato un equipaggio, carica Amanda e l’agente segreto sulla nave e salpano alla volta dell’isola; appena arrivati si nota da subito l’imbranataggine dell’agente che distrugge un tempio con una specie di Bazooka ( a quei tempi..mah..)e toccherà al nostro Jack iniziare a capire cosa deve fare.Letta così può sembrare una trama scontata fin dalle prime battute andare dal cattivo di turno e sconfiggerlo. L’importante ,credo, sia come è impostato il modo di proseguire con una determinata storia e in questo caso devo dire che è stato fatto un buon lavoro; non certo una trama che avvolge ma sicuramente con un buon andamento che fa venir la voglia di non interromperlo mai; cosa assai rara negli ultimi tempi.Essendo gli stessi autori di Ankh mi aspettavo una grafica similare e invece, purtroppo, devo dire che non è delle migliori. Il colpo d’occhio è positivo molto colorata e viva, ma si vede che è troppo semplice e disegnata senza il minimo sforzo. In molte scene, anzi in tutte, si vede la classica “ seghettatura” delle linee e la poca particolarità di tutta l’oggettistica a volte si fa fatica a capire di cosa si tratta. Tutto questo non significa necessariamente che sia scarsa, anzi, in alcune zone ci sono fondali veramente ben fatti, ma al giorno d’oggi ci si aspetta sicuramente qualcosa di più e bisogna forse anche partire dal presupposto che il non “particolarizzarla” molto, possa essere stata una scelta ben precisa e sono quasi certo che in qualche modo hanno cercato di avvicinarsi allo stile di “Monkey” se vogliamo un certo sapore c’è, ma naturalmente molto alla lontana. Miglior giudizio per i personaggi che hanno ricevuto una cura diversa, non certo il “top grafico” ma sono fatti abbastanza bene e in special modo Jack, che essendo il personaggio principale, deve per forza di cose risaltare e in questo caso devo dire che a volte, per le sue espressioni facciali, ricorda molto l’amato George di Broken Sword ho detto che “ricorda” non che è uguale. Anche in questo caso devo ripetermi non è semplice curare tutto nei minimi particolari e accontentare i gusti di tutti e credo che il lavoro grafico piacerà sicuramente.
Immagine Immagine
Riguardo al sonoro diciamo che è senza infamia e senza lode, motivi orecchiabili, mai fastidiosi, adatti alla situazione e intervengono solo quando necessario. Molto curati i rumori di fondo che si amalgamano bene con l’ambiente e danno veramente il senso del luogo in cui ci si trova. Completamente localizzato in italiano con una buona traduzione, come da prassi della “FX Interactive”, che da questo lato non ha deluso con una megaproduzione di oltre 30 personaggi doppiati da attori cinematografici. Passiamo all’interfaccia di gioco molto intuitiva e semplice gli oggetti raccolti saranno sempre visibili in alto in trasparenza con i fondali, quindi nessuna sacca o baule ma a portata di mano; credo sia stata una scelta azzeccata evitando di aprire o chiedere le solite “barre inventario”. Con il tasto sinistro si ha una descrizione dell’oggetto e con il tasto destro si “aggancia” per trascinarlo su un altro oggetto per combinarlo oppure in una locazione di gioco. Per muovere i personaggi invece si può usare sia il pulsante destro che sinistro cliccando nel punto interessato; un doppio click per farlo correre. Diciamo che le locazioni non sono molto vaste, quindi anche solo camminare non crea nervosismo che si è trovato in altri giochi dove per arrivare in un punto bisognava percorrere km. Con il tasto “Esc” si accede al menù principale con le solite opzioni ma con una novità la voce “Bonus”..diciamo che è un gioco nel gioco e mi spiego meglio durante l’avventura si faranno delle azioni che ai fini del gioco non c’entrano nulla, ma servono solamente per avere dei bonus che attiveranno una specie di salone con dei piedistalli dove man mano prenderanno posto i vari personaggi incontrati nel gioco. In questo luogo, dove potrete andarci in qualsiasi momento naturalmente dopo aver attivato almeno il primo bonus, sarà possibile giocarci per completare l’avventura ( se lo vorrete, ma consiglio di farlo). Non servirà salvare la posizione attuale per passare a quella bonus perché salverà in automatico. Devo dire che si tratta di una bella innovazione che in qualche modo stacca dal filone principale sembra quasi una specie di riposo mentale anche se in fin dei conti Jack è sempre lui, i personaggi sono i soliti..diciamo uno svago per riposare la mente. Dopo tutte queste belle cose, passiamo ad una nota leggermente più dolente gli enigmi. Devo ripetermi ancora una volta non è facile creare un gioco senza difetti, non è facile crearlo con tutte le cose al loro posto e Jack Keane ne è la prova. Gli enigmi sono praticamente inesistenti, solo trovare oggetti, capire dove usarli e districarsi da alcune situazioni ma senza sforzarsi più di tanto. Le azioni e i dialoghi demenziali sono all’ordine del giorno e questa è una nota positiva, purtroppo a forza di girarci intorno si arriverà a capire cosa fare, ergo toglietevi dalla testa di trovare combinazioni, scervellarvi con enigmi fondi-cervello…..tutto abbastanza scontato e parlare di tutto con tutti i dialoghi hanno una funzione fondamentale per arrivare alla conclusione di un azione e spesse volte sono abbastanza lunghetti ma non esagerati. Quindi sappiate che da questo lato non c’è stata molta cura ma d’altronde la perfezione non è di questo mondo.
Immagine Immagine
Siamo alle conclusioni e devo dire molto positive, un bel gioco carico di demenzialità e comicità. Un amarcord verso vecchie glorie che faranno correre la mente in tempi passati davanti all’Amiga con Monkey Island, davanti ai Pc con al serie Broken Sword..non siamo a quei livelli e credo che nessuno mai riuscirà ad emularli. Una grafica discreta, una trama ben congegnata, un sonoro nella media fanno di questo titolo un buon prodotto che non dovrebbe mancare alla vostra collezione; peccato per gli enigmi, ma accontentiamoci. Dimenticavo….un’ottima longevità che si assesta sulla ventine di ore di gioco..non male no??!!!!

Non potete perderlo.

Voto: 79/100

Soluzione
Savegame
Fortuna vostra che esisto...

Immagine Immagine
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: JACK KEANE - Al riscatto dell'Impero Britannico

Messaggio da mammapina »

WOW che bella recensione!!! Complimenti daffero......ho questo gioco ma ancora da fare :roll: mi sono accorta,leggendo questa recensione,che mi ero fatta un'idea sbagliata :roll: Lo devo assolutamente GIOCARE!!! bancorn :lol:
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Avatar utente
Electranovembre
Amministratore
Messaggi: 10689
Iscritto il: 05/03/2009, 21:00
Mi piace ricevuti: 3 volte

Re: RECENSIONE: JACK KEANE - Al riscatto dell'Impero Britannico

Messaggio da Electranovembre »

Bellissima recensione davvero :mrviolet:
Immagine
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: JACK KEANE - Al riscatto dell'Impero Britannico

Messaggio da mammapina »

Sarà il primo gioco che farò, appena mi libererò dagli impegni che ho ;-) :grin:
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Avatar utente
Niki
Messaggi: 6398
Iscritto il: 19/05/2009, 14:15
Ha espresso il “Mi piace”: 63 volte
Mi piace ricevuti: 26 volte

Re: RECENSIONE: JACK KEANE - Al riscatto dell'Impero Britannico

Messaggio da Niki »

Mi sembra una avventura carina con una grafica niente male, così di primo acchito.
Installato e provato, col tempo si andrà avanti ;-)
Bella rece Giuseppe. ;-)
la verità e là fuori, ma non fidatevi di nessuno...

Immagine
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: JACK KEANE - Al riscatto dell'Impero Britannico

Messaggio da mammapina »

:mad: io per il momento è meglio che desisto :sad: con questo pc, finirà che mi viene l'esaurimento :mad: :roll: pensavo pian pianino di rimettermi in pari con i giochi da fare ma, evidentemente ho fatto i conti senza l'oste :evil: :mad:
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Avatar utente
Niki
Messaggi: 6398
Iscritto il: 19/05/2009, 14:15
Ha espresso il “Mi piace”: 63 volte
Mi piace ricevuti: 26 volte

Re: RECENSIONE: JACK KEANE - Al riscatto dell'Impero Britannico

Messaggio da Niki »

:mad: io per il momento è meglio che desisto :sad: con questo pc, finirà che mi viene l'esaurimento :mad: :roll: pensavo pian pianino di rimettermi in pari con i da fare ma, evidentemente ho fatto i conti senza l'oste :evil: :mad:
Io al posto tuo, approfitterei delle prossime feste per farlo mettere a posto, un regalino qui e uno là,
chissà, magari risolvi. bacbac
Io vado in accumulo invece di andare in pari....oltre alle avventure, mi piacciono anche i giochi di azione,
in pari, non ci andrò mai. ;-) fine ot.
Chi altri ha fatto questa avventura, forza ragazzi, commentate. ;-)
Ultima modifica di Niki il 27/11/2009, 13:50, modificato 1 volta in totale.
la verità e là fuori, ma non fidatevi di nessuno...

Immagine
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: JACK KEANE - Al riscatto dell'Impero Britannico

Messaggio da mammapina »

:mad: io per il momento è meglio che desisto :sad: con questo pc, finirà che mi viene l'esaurimento :mad: :roll: pensavo pian pianino di rimettermi in pari con i da fare ma, evidentemente ho fatto i conti senza l'oste :evil: :mad:
Io al posto tuo, approfitterei delle prossime feste per farlo mettere a posto, un regalino qui e uno là,
chissà, magari risolvi. bacbac
Io vado in accumulo invece di andare in pari....oltre alle avventure, mi piacciono anche i di azione,
in pari, non ci andrò mai. ;-) fine ot.
Chi altri ha fatto questa avventura, forza ragazzi, commentate. ;-)
Ci accomuna un triste destino Niki :lol: :lol: però non corriamo il rischio di rimanere senza giochi :grin: Cercherò di seguire il tuo consiglio per il pc, grazie bacbac
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Rispondi