PREZZEMOLO IN UN VIAGGIO DA SOGNO (RECENSIONE)

Le Recensioni delle Avventure Grafiche per PC.
Rispondi
Avatar utente
Electranovembre
Amministratore
Messaggi: 10689
Iscritto il: 05/03/2009, 21:00
Mi piace ricevuti: 3 volte

PREZZEMOLO IN UN VIAGGIO DA SOGNO (RECENSIONE)

Messaggio da Electranovembre »

Immagine Chi di voi non ha mai sentito parlare del parco dei divertimenti italiano Gardaland? E quasi sicuramente conoscerete anche la sua mascotte Prezzemolo, il simpaticissimo drago verde con il ciuffo rosso. Chi è stato nel parco sicuramente l’avrà incontrato spesso al suo interno, gli altri comunque avranno avuto modo di conoscerlo tramite il fumetto, il cartone animato, i due videogiochi e il gelato a lui dedicato. Inoltre, la vecchia versione rimodernizzata nel 1993, è stata protagonista di spot televisivi e di sigle di programmi per bambini.
Immagine Nel primo episodio Prezzemolo sogna una richiesta di aiuto da parte del suo amico Bambù, ma quando si sveglia scopre che la richiesta era reale poiché Bambù è davvero scomparso. Il drago e i suoi amici scoprono che il loro compagno è rimasto vittima di una delle sue invenzioni, la televisogno, e chiederanno aiuto allo stregone Inu per salvare il panda. In questo secondo episodio verrete spediti dentro la televisogno assieme a Bambù nel mondo dei sogni. Vi troverete davanti a un limone gigante in compagnia di una fragola parlante. Dovrete trovare il modo per riportare i due personaggi a casa. Per farlo comanderete Prezzemolo e il suo amico Pagui, alternandoli e facendoli interagire dai due mondi paralleli.
Immagine La grafica del gioco è ben realizzata, la visuale è in terza persona. Tutto il gioco è in stile cartoon. Gli sfondi in 2D sono ottimamente realizzati e colorati con colori pastello, dando un’impressione di ambiente fatato e magico. I personaggi sono in 3D, colorati con colori più vivaci. Sono ben realizzati anche nel dettaglio, nelle espressioni e nei movimenti, ma sono troppo spigolosi quando sono molto vicini a voi. Questo difetto invece non si nota quando sono più lontani e quindi di dimensioni ridotte. Gli ambienti da visitare sono molto ridotti, ma in buona proporzione rispetto alla longevità del gioco. Gli oggetti con cui potrete interagire sono numerosi, ma pochissimi quelli che verranno presi nell’inventario, e ancora più ridotti quelli che vi serviranno realmente. Per passare da una locazione all’altra la schermata scomparirà per riapparire in quella nuova. Ottimi i filmati che sembrano veri e propri film di animazione e sono completamente in 3D.
Il sonoro è ben realizzato, in italiano e con voci molto azzeccate. A volte si incappa in dialoghi molto lunghi e abbastanza inutili, ma si possono saltare parzialmente cliccando il tasto sinistro del mouse. Sono inoltre disponibili i sottotitoli sempre in italiano. Il gioco è accompagnato da musichette simpatiche, ma a volte verranno sostituite da ticchettii che si ripetono, probabilmente un piccolo bug.
Immagine L’interfaccia del gioco è semplice. Si giocherà con il solo ausilio del mouse. Per spostarsi basterà cliccare nella direzione in cui volete andare, se potrete cambiare locazione la freccia diventerà gialla e basterà cliccare in quel punto. Con un doppio click sinistro potrete correre nel punto desiderato. Per interagire con l’oggetto, normalmente avrete la lente d’ingrandimento che vi consentirà di osservare, potrete cambiare l’icona e quindi l’azione con il tasto destro del mouse. Avrete a disposizione la mano per prendere l’oggetto e la chiave inglese per utilizzare l’oggetto. Per utilizzare in un determinato punto un oggetto nell’inventario vi basterà passare il mouse sulla parte bassa dello schermo per richiamare l’inventario, cliccare sull’oggetto selezionato e il puntatore assumerà la sembianza dell’oggetto, e infine cliccare sul punto desiderato. Cliccando il tasto destro sui personaggi potrete parlare con loro. Per accedere al menu dovrete premere il tasto ESC e potrete salvare, caricare una vecchia partita, o accedere alle opzioni.
Gli enigmi di questo gioco consistono principalmente nel parlare con i vari personaggi, cercare l’oggetto giusto e utilizzarlo nel posto giusto. Solo un paio saranno enigmi di logica.
Un finale che lascia molti dubbi. In più si aggiunge la scarsa longevità che si aggira intorno alle 3-4 ore. Non sono certo una buona base per un’ottima avventura grafica. La cosa viene però compensata dal basso prezzo di acquisto. Il gioco è adatto soprattutto ai più piccoli. Nel complesso è fattibile.
Voto 65/100
Soluzione
Immagine
Rispondi