RECENSIONE: AGE OF EMPIRES

Se vi piace questo genere di giochi, dateci un'occhiata.
Rispondi
Avatar utente
Giuseppe
Amministratore
Messaggi: 4658
Iscritto il: 02/03/2009, 15:20
Ha espresso il “Mi piace”: 25 volte
Mi piace ricevuti: 79 volte

RECENSIONE: AGE OF EMPIRES

Messaggio da Giuseppe »

Immagine

Age of Empires fece la sua comparsa nel 1997 e si tratta di un gioco strategico in cui l’azione si svolge in tempo reale. Sviluppato da Rick Goodman per l’Ensemble Studio e pubblicato dalla Microsoft (poiché aveva acquistato l’Ensemble). In AoE veniamo catapultati indietro nel tempo, addirittura all’età della pietra, infatti il gioco si evolve attraverso il passaggio di quattro età: della pietra, degli utensili, del bronzo e del ferro. Ad inizio partita ci troviamo di fronte la prima scelta importante, ossia con quale fra le 12 civiltà presenti vogliamo cimentarci sul campo. Vediamole più nel dettaglio: Assiri, Babilonesi, Choson (corrispondenti agli antichi coreani), Egizi, Fenici, Greci, Ittiti, Minoici, Persiani, Shang (corrispondenti agli antichi cinesi), Sumeri e infine gli Yamato (corrispondenti agli antichi giapponesi). Le unità, gli edifici, le tecnologie e le risorse sono uguali per tutte le civiltà, cambiano i colori per distinguere i vari giocatori presenti sul campo e gli stili di costruzione. Anche qui esaminiamo ciò che intendo, suddividendo il tutto per età.

Le unità presenti dall’età della pietra sono:
- Abitanti del villaggio, vengono creati nel centro città e rappresentano la fonte principale di sostentamento, infatti essi hanno l’incarico di raccogliere il cibo, costruire e riparare gli edifici, estrarre l’oro, raccogliere le pietre, e tagliare la legna.
- Guerriero con clava, viene creato nelle baracche, ed è un’unità primitiva di fanteria.
- Barca da pesca, viene costruita al porto ed ha il compito di raccogliere il pesce nel mare, come ulteriore fonte di sostentamento (cibo).
- Barconi da carico, viene costruita al porto, funge da collegamento con i porti alleati o neutrali, trasportando pietra, legno o cibo in cambio dell’ oro, il quantitativo dell’oro richiesto varia a seconda della distanza che questo deve percorrere.

Fanno la loro apparizione nell’età degl’utensili:
- Guerriero con ascia: creato nelle baracche, è un’unità di fanteria primitiva, e non può essere potenziata.
- Arciere con arco semplice: creato nell’area del tiro con l’arco, è l’unità più debole e primitiva e non può essere potenziata.
- Esploratore: creato nella scuderia è dotato di un’esteso campo visivo, ma è l’unità più debole della cavalleria e non può essere potenziato.
- Trasporto leggero: viene creato nel porto e può trasportare un max di 5 unità attraverso il mare.
- Nave da esplorazione: creata al porto è dotata di un grande campo visivo, ma ha delle armi da lancio molto deboli.

Ora vediamo l’età del bronzo:
- Sacerdote: creato al tempio, ha la capacità di convertire le unità nemiche e può curare le proprie e quelle degli alleati.
- Guerriero con daga: creato nelle baracche, è un’unità di fanteria poco costosa da creare, veloce ma debole con la spada che può essre potenziata, diventando un guerriero con spadone.
- Oplita: creato nell’accademia militare, appartiene alla fanteria d’elite, anche se è l’unità più debole. E’ dotata di una lancia anti cavalleria.
- Arciere con arco da guerra: creato nell’area di tiro con l’arco, appartiene all’unità degli arcieri a piedi con una velocità media ed è forte contro le unità lente.Può essere potenziato diventando un’arciere con l’arco composito.
- Arciere su biga: creato nell’area di tiro con l’arco, è potente contro i sacerdoti e riesce a combinare la velocità della biga con l'attacco dell'Arciere con arco da guerra.
- Biga: è creata nelle scuderie ed è potente contro i sacerdoti.
- Cavalleria: creata nella scuderia ed è un’unità della cavalleria di media potenza nel corpo a corpo , è molto potente contro la fanteria.
- Catapulta leggera: è creata nel laboratorio d’assedio, colpisce delle singole unità o aree ed è l’unità d’assedio più debole.
- Nave da pesca: è il potenziamento della barca da pesca.
- Nave mercantile: è il potenziamento del barcone da carico.
- Galea da guerra: è il potenziamento della nave da esplorazione dotata di armi di armi da lancio di media potenza.

Infine arriviamo all’età del ferro:
- Guerriero con spada lunga: è il potenziamento del guerriero con lo spadone, il quale si potra ancora potenziare fino raggiungere il massimo della potenza nella legione.
- Falange è il potenziamento dell’oplita, il quale a sua volta potrà potenziarsi ancora diventando l’unità più forte della fanteria d’elite che prenderà il nome di centurione.
- Arciere su elefante: creato nell’area di tiro con l’arco, combina la resistenza dell’elefante da guerra con l'attacco dell'Arciere con arco composito.
- Arciere a cavallo: creato nell’area di tiro con l’arco, è il più veloce ed il più resistente ai proiettili, può potenziarsi diventando un arciere corazzato a cavallo.
- Cavalleria pesante: è il potenziamento della cavalleria, avrà la possibilità di potenziarsi nuovamente diventando una catafratta.
- Elefante da guerra: creato nella scuderia, è l’unità di cavalleria che infligge maggior danno schiacciando le unità circostanti.
- Catapulta: è il potenziamento della catapulta leggera, con possibilità di potenziarsi in catapulta pesante assai più potente.
- Balista: creata nel laboratorio d’assedio, è un’unità che ha dei brevi intervalli fra un attacco e l’altro.
- Helepolis: creato nel laboratorio d’assedio ed è l’unita col più veloce intervallo d’attacco.
- Trasporto pesante: è il potenziamento del trasporto leggero, può caricare fino a 10 unità.
- Trireme: è il potenziamento della galea da guerra.
- Trireme con catapulta: è creata al porto, ed è dotata di armi d’assedio, colpisce le singole unità o aree, si può potenziare diventando un Juggernaught.

Immagine Immagine

Gli edifici si evolvono anch’essi in base all’età in cui ci troviamo. Alcuni sono già presenti nell’età della pietra, come il centro città, la baracca, il porto, il granaio, il magazzino interrato e la casa, mentre altri faranno la loro comparsa nell’età successive, ad esempio: nell’età degli utensili troviamo l’area di tiro con l’arco, il mercato, la scuderia, la fattoria, la torre d’osservazione e il terrapieno; nell’età del bronzo nasce l’accademia militare, la sede del governo, il laboratorio d’assedio, il tempio, la torre di sentinella e la cinta muraria; infine arriviamo all’età del ferro con la torre di guardia, la torre con balista, la fortificazione e la meraviglia. Anche le tecnologie si evolvono col tempo, però a partire dall’età degl’utensili, come la lavorazione del legno e degl’utensili,l’estrazione dell’oro e della pietra,la corazza di cuoio e l’allevamento; nell’’età del bronzo si svilupperà lo scudo di bronzo, la lavorazione dei metalli e del bronzo, la corazza a scaglie, l’aratro, la ruota, l’architettura, la nobiltà, la scrittura, l’astrologia, il misticismo e il politeismo; nell’età del ferro avremo lo scudo di ferro, la metallurgia, la cotta di maglia, la lavorazione del ferro, il conio, l’abilità d’assedio, l’irrigazione, l’alchimia, la balistica, l’ingegneria, l’aldilà, il fanatismo, il monoteismo e la guerra santa. Per quanto concerne le risorse, possiamo raggrupparle in 4 tipi fondamentali, ossia il cibo, il legname, l’oro e la pietra, reperite come ho detto in precedenza, unicamente dagl’abitanti del villaggio.

Esistono differenti tipologie di partite in cui cimentarsi, fra cui troviamo:
- La campagna ad un giocatore, in cui dobbiamo seguire degli scenari prestabiliti che permetteranno l’evolversi di un’intera civiltà. Questa si suddivide in 4 tipologie di campagne differenti:
- La prima è la campagna d’addestramento, in cui guidiamo l’Egitto apprendendo le nozioni di base del gioco.
- La seconda è la gloria della Grecia, che ci farà rivivere la storia dalla fondazione di Atene alla conquista da parte di Alessandro Magno della Persia.
- La terza sono le voci di Babilonia, in cui rivivremo l’ascesa della civiltà babilonese dai primi scontri con gli Accadi fino alla distruzione di Ninive.
- La quarta è Yamato, la storia del sol levante, in cui questa civiltà afferma la sua superiorità prima contro i clan rivali fino ad arrivare alla conquista di Kyūshū.
- Lo scenario in cui potranno cimentarsi più giocatori oppure il giocatore singolo, in cui sarà possibile scegliere solo il tipo di vittoria in quanto si tratta di partite prestabilite.
- Nella mappa casuale il giocatore potrà scegliere dove localizzare la civiltà, la tipologia di vittoria, le risorse e come disporre la terra a l’acqua. I tipi di vittorie si suddividono in 4 categorie, la prima è la partita a punteggio dove chi raggiunge il punteggio prestabilito per primo vince.
- La seconda è a tempo in cui vince chi realizza il punteggio più alto al termine del tempo prestabilito. La terza è la conquista dove per vincere si dovranno sconfiggere tutti gli avversari.
- La quarta è la partita standard in cui vince il giocatore che per primo realizza l’obiettivo prefisso, ad esempio la costruzione della meraviglia o la conquista di tutti i manufatti e così via.
- Partita all’ultimo sangue, possono parteciparvi uno o più giocatori, presenta un carattere molto aggressivo e il tutto si svolgerà velocemente: si avranno un numero di risorse molto elevate fin dall’inizio, la mappa è casuale e la vittoria avviene per conquista.
- Partita per collaborazione, è un genere di partita che si svolge solo on-line in cui due o più giocatori controllano contemporaneamente la stessa civiltà. La mappa è casuale e la partita può essere all’ultimo sangue oppure con lo scenario. L’interfaccia di gioco è molto semplice da usare e permette l’accesso tramite un menù principale che si suddivide a sua volta in altrettanti sottomenù. Sullo schermo appaiono delle icone utili per tenere sotto controllo tutti gli elementi importanti per l’andamento della nostra partita, infatti potremo osservare il livello delle nostre risorse primarie e attraverso la minimappa tutto quanto sia stato esplorato intorno a noi. Nel menù sarà possibile scegliere di vedere l’intera mappa, anche se questa rimarrà comunque coperta da uno strato di nebbia lasciando nascosti ai nostri occhi i villaggi nemici, sempre che non vengano inviati degli esploratori, allora potremo anche vedere come si evolvono le strategie dei nostri avversari. Age of empires indubbiamente consente una longevità non indifferente, in quanto alcune missioni risultano alquanto lunghe e difficili, essendo un gioco in tempo reale si dovrà studiare una strategia che consenta di attaccare validamente l’avversario, ma che nello tempo consenta una buona difesa nel caso in cui si subiscaun’attacco. Purtroppo un aspetto negativo è la produzione limitata delle unità presenti sul campo ad eccezzion fatta per gli scenari creati, dove si potranno inserire dei super mega eserciti. Nelle campagne non è possibile creare mega eserciti, per cui bisogna ponderare attentamente quali unità vogliamo creare. La grafica del gioco è buona nel complesso, l’immagine è pulita ed i personaggi si muovono con scioltezza,le costruzioni sono dettagliate e ben fatte. I filmati introduttivi invece non presentano la medesima fluidità in quanto i personaggi hanno pixel evidenti e movimenti lenti che ne penalizzano la qualità. La visuale è possibile averla solo dall’alto senza possibilità di rotazione dell’immagine. La parte sonora è piacevole, costituendo un buon sottofondo che amalgama tutti gl’elementi. Gli effetti sonori sono ben fatti e senza guardare si può capire cosa sta avvenendo sullo schermo. La possibilità di creare completamente degli scenari che possono essere utilizzati nel gioco è molto interessante, infatti potranno essere elaborati dei fondali che contengono ogni tipo di risorsa, oppure altri, talmente miseri da rasentare la follia della sopravvivenza; si potrà decidere se combattere contro un avversario o addirittura contro altri sette (magari non saranno tutti nemici, alcuni saranno alleati ed altri invece saranno neutrali).

Immagine Immagine

Un punto innovativo è anche la cosidetta partita per “collaborazione”, poiché riuscire a far gestire una stessa civiltà da un differente numero di persone non è cosa facile, poiché ogni essere umano è dotato di propri pensieri e proprie stategie, ma proprio questo rende il gioco veramente stimolante.
In sintesi posso dire di aver trascorso delle ore piacevoli ma anche impegnative in compagnia di Age of Empires e nonostante qualche pecca lo consiglio come acquisto.

By Rita


Voto: 80/100
Fortuna vostra che esisto...

Immagine Immagine
Avatar utente
mammapina
Messaggi: 8455
Iscritto il: 05/03/2009, 22:41

Re: RECENSIONE: AGE OF EMPIRES

Messaggio da mammapina »

Complimenti Rita davvero un'ottimo lavoro......sei bravissima!!! bacbac
La vita è un videogioco...Le delusioni?..un livello da superare!!
Avatar utente
Puccina
Messaggi: 1616
Iscritto il: 07/03/2009, 22:53

Re: RECENSIONE: AGE OF EMPIRES

Messaggio da Puccina »

rita come sempre hai suxato te stessa bacbac
Complimentoni davvero,una rece molto dettagliata ke fa venire voglia di giocarlo.....continua così bacbac
Rispondi